Obiettivi

Obiettivi del Protocollo Discentes per la Formazione in Arti Terapie in Italia

Attraverso il circuito di Scuole di formazione ARTEDO in Arti Terapie sul territorio nazionale, il Protocollo Discentes si prefigge il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

1. La massima professionalizzazione dell’operatore delle Arti Terapie, attraverso un monitoraggio costante sull’apprendimento, sia in attività pratiche di laboratorio che attraverso lo studio e le verifiche del materiale documentale su piattaforma e-learning, con il conseguimento, da parte dell’allievo in formazione, di una buona consapevolezza del proprio rapporto con la creatività, delle proprie risorse e della possibilità di padroneggiare il linguaggio artistico come veicolo di comunicazione, oltre che gestire le competenze relazionali e le nozioni teoriche di base acquisite per riconoscere il controtransfert non verbale. Nello specifico, i percorsi formativi proposti mirano a fornire ai corsisti:

  1. importanti conoscenze negli ambiti multidisciplinari delle Arti Terapie (Musicoterapia, Arteterapia Plastico Pittorica, Danzaterapia, Dramma Teatro Terapia – ciascuna con i propri modelli di riferimento -) e delle Neuroscienze (Neurologia, Psichiatria e Psicologia – che compongono le discipline dell’area Teorico-Relazionale -) per un’opportuna valorizzazione, sul Territorio Nazionale, del profilo professionale degli Arte Terapisti. Tali conoscenze dovranno risultare
  2. adeguate a metodi e contenuti culturali e scientifici inerenti l’uso della creatività a fini risocializzanti, educativi, preventivi, riabilitativi e terapeutici;
  3. competenze adeguate per operare nell’ambito della relazione d’aiuto in  equipe con profili professionali storici (Neurologi, Psicologi e Psichiatri), all’interno di strutture Assistenziali e Riabilitative, pubbliche e private;
  4. competenze adeguate per operare efficacemente in contesti educativi, rieducativi e di prevenzione al fianco di insegnanti ed insegnanti di sostegno nelle Istituzioni Scolastiche, pubbliche e private.

2. L’istituzione di Registri Professionali conformi con la norma tecnica UNI per le Arti Terapie, l’adozione di un Codice Etico e degli strumenti di monitoraggio e verifica sulla formazione permanente degli iscritti, in ottemperanza al DDL 3270.

 

Condividi questo articolo